Oggi proverò ad affronatre una delle patologie più fastidiose in ambito bodybuilding, fitness e sportivo in generale con un post intitolato appunto: ernia del disco sintomi e dolori. Non sarebbe fuori luogo guidare le persone affette da ernie discali in alcuni dei rimedi efficaci per curare il mal di schiena poiché l’incidenza dei casi è in aumento da un giorno all’altro.

Cos’è un ernia del disco?

Un disco erniato, comunemente chiamato “disco slittato” o “disco rotto” , è il più delle volte una conseguenza di un incidente che causa una rottura, sollevando qualcosa di troppo pesante o in un modo sbagliato, causando una ferita o un trauma nella spina dorsale. In altre parole, implica un disco che slitta / si rompe / rompe.

Una persona con mal di schiena, dolore alle gambe o debolezza dei muscoli estremamente inferiori viene diagnosticata come “paziente affetto da un’ernia del disco”. 

L’ernia del disco è causata da un’improvvisa caduta o da un incidente o può verificarsi gradualmente con sforzi ripetitivi dei nervi. Molto spesso le persone, che hanno l’ernia del disco, hanno già una “pietrosi spinale”, un problema che causa il restringimento del midollo spinale e dei nervi spinali. Quando si verifica un ernia del disco, lo spazio per i nervi è ulteriormente diminuito e l’irritazione del nervo risulta.

I sintomi dell’ernia del disco

La compressione del midollo spinale o dei nervi spinali li rende fuori uso. Ciò significa che i segnali anormali possono essere trasmessi dai nervi compressi, oppure i segnali non possono essere trasmessi affatto.

Sensazioni anormali simili a shock elettrici causate da qualsiasi pressione sul nervo e dolore che scende fino alle braccia e poi alle gambe;

sensazione delle sensazioni anomale di formicolio, intorpidimento o spilli e aghi nella stessa regione della scossa elettrica dolorosa le sensazioni e la debolezza dei muscoli a causa dell’irritazione nervosa – sono alcuni dei sintomi dell’esperienza di un paziente con ernia del disco.

Prima di proseguire con la stesura di questo articolo dedicato all’ernia del disco sintomi e dolori, desidro portare alla tua attenzione questo video dell’ Altra Riabilitazione che ti spiegherà alcuni esercizi volti a curare questo fastidiosissimo problema.

 

Cos’è un disco rigonfio?

Anche se associato a un ernia del disco, un disco rigonfio è qualcosa di diverso, esclusivamente in relazione al legname (parte inferiore della colonna vertebrale della schiena) e un problema di vecchiaia.

Il “nucleo polposo” (la sostanza gelatinosa nel mezzo del disco spinale) del “disco erniato” si gonfia attraverso l”anulus” (muro circostante) e preme sulla radice nervosa adiacente. 

Questa radice nervosa si infiamma e provoca dolore grave. Il problema può anche essere causato dalla malattia degenerativa del disco (spondilosi). Il disco consiste di circa l’80% di acqua. Quando si invecchia, il disco inizia ad asciugarsi e restringersi, causando piccoli strappi nell ‘”anello” e infiammazione della radice nervosa.

In un caso di ernia del disco, la decompressione avviene abbastanza rapidamente e causa la fuoriuscita del disco, mentre in un caso di disco sporgente, la decompressione avviene molto lentamente e provoca il rigonfiamento del disco.

Quello che succede è che il disco spinale – un morbido cuscino che si trova tra ogni vertebra della colonna vertebrale – diventa più rigido con l’età. In un giovane individuo, il disco è morbido ed elastico, ma come molte altre strutture nel corpo, il disco perde gradualmente la sua elasticità ed è più vulnerabile alle lesioni. 

Infatti, anche in individui di soli 30 anni, la risonanza magnetica mostra evidenza di deterioramento del disco in circa il 30 per cento delle persone.

Cos’è la Sciatica?

La sciatica è anche associata all’ernia del disco. I pazienti sciatici provano un forte dolore che spara dai glutei e dai fianchi e corre verso le gambe e i piedi. Questa condizione è per lo più accompagnata da dolore alla schiena sentito nelle gambe. Questo è il motivo per cui è anche chiamato il “dolore alla gamba”. 

Dal momento che coinvolge il nervo sciatico – il più grande nervo del corpo – da cui è stato dato il nome medico “sciatica”. 

Quando questo nervo viene irritato o disturbato da una certa pressione, possibilmente da un ernia del disco, il paziente avverte un dolore bruciante che viene definito medicamente “dolore sciatico”. Quindi, la sciatica, essenzialmente, è un sottoprodotto della condizione erniata del disco.

Super Report Gratuito

5 azioni per un fisico da campione

 5 Azioni per un Fisico da Campione

 

Scarica GRATUITAMENTE questo Super Report ormai condiviso da oltre 3000 persone 🙂

Come si verifica un disco erniato?

Una persona afflitta da un ernia del disco, soffre di un dolore insopportabile e gonfiore. Quando il disco (cuscinetto muscolare) viene spostato dalla sua posizione originale a causa di una lesione o rottura, con conseguente crescita extra, il fascio di nervi spinali viene pizzicato dalla crescita anormale. 

La lesione ai nervi e ai muscoli attaccati produce “prostaglandine” che causano un forte dolore alla schiena, al collo, alla vita, alle spalle e talvolta anche alle braccia e alle gambe.

Quando il disco spinale diventa meno elastico, si rompe. 

Quando accade, una porzione del disco spinale si spinge oltre il suo limite normale – questo è ciò che viene definito medicamente un “ernia del disco”. Quando un disco erniato si gonfia tra le vertebre, i nervi spinali e il midollo spinale, viene pizzicato. Di solito c’è un piccolo spazio in più attorno al midollo spinale e ai nervi spinali, ma se una quantità sufficiente di ernia del disco viene spinta fuori luogo, allora queste strutture possono essere compresse.

Rimedi e opzioni terapeutiche

Nel trattamento dei casi di ernia del disco, ci sono due tipi di rimedi e opzioni terapeutiche; il primo è quello chirurgico e il secondo quello non chirurgico.

Opzione chirurgica:

È solo il sistema di medicina allopatica che adotta l’opzione chirurgica come ultima risorsa quando si usano tutti gli altri rimedi artificiali – i farmaci antidolorifici e gli antidolorifici come “ibuprofene” si dimostrano inefficaci nel trattamento di un caso di schiena dolore che colpisce sia da un’ernia del disco o da un muscolo teso / tirato. 

Nei casi più gravi in ​​cui tutti i rimedi non chirurgici e le tecniche terapeutiche non riescono a dare un rapido sollievo, i pazienti che si contorcono dal dolore vengono tempestivamente portati a un allopatico che, con il consenso dei parenti del paziente, procede senza interruzione se è egli stesso un chirurgo; altrimenti rimanda il caso a un chirurgo oa un ospedale governativo. 

Questo tipo di intervento chirurgico condotto su un paziente con ernia del disco viene definito medicamente “fusione del disco” e “discectomia”

Tuttavia, c’è una piccola differenza tra una fusione discale e una discectomia. La fusione del disco, detta anche “fusione spinale”, comporta la sostituzione di un disco artificiale nella colonna lombare. È considerato il miglior trattamento in particolare per la “malattia degenerativa del disco”.

Discectomia – conosciuta anche come “spondilodesi” o “spondiloressesi” – è una tecnica chirurgica usata solitamente per combinare le due o più vertebre. 

Questa procedura è utilizzata principalmente per alleviare il dolore causato dal movimento anormale delle vertebre immobilizzando le vertebre stesse. 

Il tessuto osseo supplementare viene utilizzato insieme ai processi “osteblastici” naturali del corpo. Pertanto, la porzione centrale di un disco intervertebrale, il nucleo polposo, che causa il dolore sottoponendo a tensione il dolore sollecitando il midollo spinale o i nervi radianti, viene rimosso.

Quindi, il materiale del disco che preme sul nervo spinale o sul midollo spinale viene completamente rimosso. 

Il forame intervertebrale – il canale osseo attraverso il quale scorre il nervo spinale – viene quindi ingrandito con un trapano dando al nervo più spazio per l’esistenza del canale spinale.

Per aprire le vertebre dal collasso e aumentare la loro stabilità, lo spazio aperto è spesso riempito con innesto osseo, prelevato dalla pelvi o dall’osso cadaverico. 

Il lento processo dell’innesto osseo che unisce le vertebre insieme è chiamato “fusione”. 

A volte, una placca in titanio viene avvitata sulle vertebre per aumentare la stabilità, soprattutto quando è coinvolto più di un disco.  L’intervento chirurgico richiede una breve permanenza da uno a tre giorni nella clinica e un recupero graduale richiede da 4 a 6 settimane.

Opzioni non chirurgiche

I metodi di trattamento non chirurgici possono essere adottati e utilizzati da vari sistemi medici di malattie curative come allopatico, omeopatico, naturale / fisico, Unani / Ayurvedico e, ultimo ma non meno importante, Yoga.

Anche se universalmente popolare, il sistema di medicina allopatica (un metodo per trattare la malattia con rimedi che produce effetti diversi o opposti a quelli causati dalla malattia stessa)

non ha mai e mai trovato di essere altrettanto efficace di altri sistemi medici alternativi di trattamento, naturali / rimedi fisici (fisioterapia), omeopatia e, naturalmente, sistemi di medicina convenzionali ma ancora più efficaci – Unani / Ayurvedic e Yoga – che sono stati incessantemente migliorati nel corso degli anni attraverso ulteriori studi, ricerche, sviluppo e nuovi esperimenti di volta in volta. Il sistema allopatico fornisce un sollievo rapido ma temporaneo mentre altri sistemi danno un lento ma duraturo sollievo.

Il principio allopatico della medicina cura l’effetto della malattia lasciando intatta la sua causa. 

Questo riemerge in qualsiasi altra forma della malattia in futuro, mentre il sistema di trattamento omeopatico (un sistema di medicina che tenta di curare i pazienti con preparazioni / farmaci fortemente diluiti che causano effetti simili ai sintomi prodotti dalla malattia … al contrario allopatico) arriva fino in fondo al problema e sradica la causa stessa della malattia alla radice. 

Se diagnosticato con i sintomi esatti della malattia e somministrato una medicina accurata al paziente, il disturbo scompare in un batter d’occhio.

La fisioterapia è un’altra opzione grazie alla quale si ricorre a elementi / agenti naturali come l’energia solare, l’acqua, l’aria, l’elettricità, il ghiaccio, ecc., Ed è stato anche dimostrato molto efficace nel trattamento delle malattie. Come accennato in precedenza, nonostante l’incredibile efficacia e utilità dei rimedi omeopatici e naturali, il sistema allopatico è ancora vago in tutto il mondo e non c’è nulla di sbagliato nel ricorrere a questa opzione. 

Tuttavia, i metodi naturali di cura delle malattie, compresa l’omeopatia, rappresentano una soluzione permanente all’intero problema,

sono con ogni mezzo, meritano più di essere discussi e spiegati in dettaglio in modo da attrarre sempre più persone, specialmente quelle afflitte con un ernia del disco.

Il metodo naturale di trattamento comprende un programma di esercizi specificamente prescritti più tecniche terapeutiche e un riposo a letto ben programmato. 

Questi rimedi apportano sicuramente un rapido sollievo dal dolore e accelerano costantemente il ritmo verso una guarigione completa, indipendentemente dalla causa del dolore. 

Di seguito sono riportati alcuni suggerimenti sull’uso e l’applicazione delle tecniche terapeutiche naturali ai pazienti con ernia del disco sulla via che porta a un sollievo duraturo e una guarigione riuscita dal mal di schiena.

svelati i segreti del bodybuilding

Svelati i Segreti del Bodybuilding

Questo libro Svelati i Segreti del Bodybuilding copre tutto quello che c’è da sapere sul body building ed facilmente comprensibile sia per la persona esperta, per quella media e per il neofita Potrai scoprire una vasta gamma di consigli, suggerimenti e strategie comprese le linee guida su come puoi costruirti correttamente il tuo corpo oggi! 🙂

Rimedi naturali: opzioni non chirurgiche

Il primo e più importante tra questi rimedi sono alcune tecniche prescritte dal medico che seguono:

Ice Pack: 

Ice, infatti, è la soluzione migliore, soprattutto per il problema dei nervi tesi. Durante la visione di una competizione di boxe, potresti aver notato sicuramente un pugile che riceve una ferita in faccia dal rivale. La prima cosa che fa il suo allenatore è applicare un impacco di ghiaccio sulla zona ferita del suo viso. Applicare un sacchetto di piselli surgelati avvolto in un asciugamano sul luogo della ferita serve anche allo scopo, se gli impacchi di ghiaccio non sono disponibili nel momento opportuno.

Massaggio al ghiaccio: 

nella maggior parte dei casi il massaggio del ghiaccio è stato sperimentato per essere abbastanza efficace e utile. Prendi un cubetto di ghiaccio e strofina la zona interessata con un movimento circolare.

Confezioni calde:

le confezioni calde / calde sono state trovate una soluzione efficace solo per il problema di strappi / strappi. Questi dovrebbero essere usati solo dopo aver provato gli impacchi di ghiaccio.

Massaggio del corpo: 

nell’utilizzo della tecnica di massaggio, non è necessario che un massaggiatore o un massaggiatore specialista massaggi il corpo del paziente. Qualsiasi persona / parente ordinaria può svolgere il lavoro molto facilmente e comodamente. L’unico requisito è il petrolio. Se non hai l’olio da massaggio speciale, prendi una piccola quantità di oliva, minerale o qualsiasi olio normale che sia a portata di mano. 

Puoi mescolare un po ‘di “estratto di vaniglia” per dargli un bel profumo. 

Versare una manciata di olio sulla zona interessata della schiena e strofinare delicatamente. Un massaggio alla schiena non richiede un massaggiatore. Puoi farlo da solo senza alcuna difficoltà. Fai solo ciò che ti fa bene e massaggia delicatamente.

Riposo a letto

Per i casi di ernia del disco, il primo passo verso la guarigione è il riposo a letto. Sebbene non sia possibile mentire a letto tutto il tempo, si consiglia al paziente di farlo il più possibile.

Primo stadio: posizionare il paziente su un materasso forte e rigido per assicurare che il dorso sia posizionato il più dritto possibile. Inoltre, i cuscini dovrebbero essere fermi per garantire la linearità e l’allineamento del letto. Riposarsi in questo modo aiuterà il corpo a riparare qualsiasi danno causato dalla rottura del disco.

Secondo stadio: è stato sperimentato l’innalzamento delle gambe per fornire un maggiore livello di comfort nel processo di recupero. Posizionare un cuscino di dimensioni medio-piccole sotto le ginocchia del paziente. Ridurrà parte della pressione che potrebbe essere stata posta sul retro del paziente mentre era sdraiata sul letto. Potrebbe anche essere utile sollevare leggermente le cosce.

Terzo stadio: posiziona un cuscino o qualsiasi altro oggetto morbido tra le sue gambe. Lo aiuterà a rimuovere qualsiasi pressione che potrebbe essere stata applicata alla parte interessata della schiena. 

Mentre si alza dal letto, si consiglia al paziente di prestare particolare attenzione a non muovere improvvisamente, piuttosto spingere se stesso in una posizione seduta usando un lato del corpo anziché la schiena. Tuttavia, mentire sullo stomaco non è consigliabile in questa condizione.

Quarto stadio: per un paziente che sta riposando a letto per riprendersi da una complicanza alla schiena, è fondamentale consumare un alimento crudo con molti liquidi. Il riposo a letto il più delle volte provoca il rallentamento del tratto intestinale e può causare stitichezza. Per evitare questo, l’ingestione di alimenti crudi ad alto contenuto nutrizionale e l’assunzione di fluidi quanto più possibile è la migliore misura precauzionale.

Quinto stadio: l’ applicazione di calore e freddo alle parti doloranti del corpo alternativamente è stata anche sperimentata per alleviare il dolore associato all’ernia dei dischi.

Questi sono alcuni dei rimedi naturali che sono stati tradizionalmente usati per secoli in virtù della loro efficacia nel curare i dischi erniati e si sono anche rivelati molto utili per la guarigione delle ferite associate all’ernia del disco.

I tempi di recupero:

Questi rimedi combinati con i “antidolorifici” prescritti dai medici possono e sicuramente faciliteranno il dolore. Il recupero richiede normalmente due settimane in casi non chirurgici e in media da tre a sei settimane in quelli chirurgici, a seconda della gravità della lesione. Adottando un  di esercizi specifici e movimenti del corpo, si possono ottenere risultati desiderabili.

Prevenzione:

C’è un detto; “prevenire è meglio che curare.” Seguendo il vecchio adagio, alcune misure precauzionali devono essere prese per prevenire i problemi. Tra questi ci sono gli esercizi per la schiena e gli allenamenti addominali che possono rivelarsi utili per rafforzare i muscoli. 

Esercizio quotidiano, camminare, fare jogging, correre e anche nuotare se possibile, sono alcune delle migliori misure precauzionali che possono aiutarti a evitare i problemi alla schiena più importanti. 

come crearsi su misura la propria dieta

Come crearsi su misura la propria dieta

Lo scopo di questa Guida è quello di fornirvi tutte, o quasi, le conoscenze necessarie per crearvi la dieta che più si avvicini alle vostre reali necessità, siano esse di accrescimento della massa muscolare, di mantenimento o di dimagrimento.

×

Ciao..👋

Come posso esserti utile?

Per Informazioni su Prodotti e Servizi puoi contattarmi attraverso whatsapp cliccando sul mio nome e cognome posto qui sotto!!

 

×